copertina kajabi marketing

Il web ha dato la possibilità a tutti di poter aspirare a costruirsi un lavoro fai da te o a donare agli altri le proprie competenze e conoscenze. Oggigiorno, con l’ampliamento delle possibilità lavorative in questo senso, diventa ancora più facile imbattersi in nuove tipologie di offerte di lavoro.

Non più secondo la concezione classica del rapporto datore di lavoro/potenziale lavoratore dal vivo, ma secondo una concezione più innovativa e virtuale. Esistono i cosiddetti ‘brand ambassador’: sono coloro che promuovono una marca, un prodotto o un’azienda allo scopo di attirare nuovi clienti.

Cos’è Kajabi?

Kajabi rappresenta, sotto questo punto di vista, una piattaforma emblematica attraverso la quale lanciare e spingere un’attività di business online tramite, ad esempio, la riproposizione di video corsi. È quella classica piattaforma dove vi si trovano tutti coloro che generano contenuti e allo stesso tempo vogliono monetizzare da questi stessi contenuti ideati.

Essi offrono la possibilità di personalizzare il proprio operato e di sfruttare questo vero e proprio mercato per allargare e diffondere notevolmente la propria attività. I video corsi sfruttano ricerche di mercato fatte allo scopo di individuare la fetta di prodotto più ricercata e a cui la clientela è più affezionata in quel momento.

In pratica, il segreto è scegliere il momento giusto in cui dare luogo ad un video corso, che sia di qualsiasi cosa o di qualsiasi argomento. Ma concentriamoci un po’ di più sulla piattaforma Kajabi.

Come funziona Kajabi

Innanzitutto, cominciamo col dire che questo tipo di piattaforma virtuale risponde ad un’esigenza di marketing online e consente all’utente di avvalersi di funzionalità e servizi in grado di far crescere il proprio business. Usata soprattutto dai grandi professionisti.

Rappresenta in pratica quel sistema in grado di permettere il collegamento sincrono tra se stessi e tutto ciò che fa progredire un’azienda, come i contatti, le vendite, il sito web, il sistema di affiliazione, i servizi e tutto ciò che ne consegue in tal senso.Il funzionamento è abbastanza semplice.

Primi passi

Si registra un dominio nuovo e lo si collega alla piattaforma. Oppure si crea un sottodominio del sito principale. O, in alternativa, si trasferiscono i contenuti presenti sul sito principale su Kajabi. O, quarta soluzione, si può utilizzare l’URL con sottodominio che Kajabi stesso mette a disposizione.

La vendita è consentita su qualsiasi tipo di settore, che siano videocorsi, consulenze o prodotti a prezzo fisso. Si possono vendere anche ‘prodotti community’, vale a dire prodotti strutturati in maniera tale da essere concepiti, appunto, come una community.

Un po’ come fosse un gruppo Facebook dove si può interagire tra utenti: è il creatore stesso della community a decidere se quel prodotto deve essere gratuito, a pagamento o addirittura in abbonamento.

La differenza? In questo caso non c’è il Facebook di turno che può imporre il tipo di controllo sul prodotto stesso. Si ha il pieno controllo anche sui collegamenti e sistemi di pagamento per evitare che qualcuno possa fare il furbetto. In quel caso l’accesso alla community è bloccato.

Tipi di pagamenti

I tipi di pagamenti richiesti tramite piattaforma Kajabi possono essere collegati ad account Paypal o conti correnti con carte di credito. L’aspetto interessante è che la piattaforma non effettua trattenute su ciò che si vende, dunque l’intera cifra arriverà al venditore nella fattispecie.

Funzioni, strumenti e costruzione del sito web

Ci sono anche template gratuiti e pronti all’uso da utilizzare in base alle tue esigenze: funzionano su qualsiasi dispositivo, e includono il certificato SSL in omaggio.

Inoltre, puoi vedere in tempo reale come stanno evolvendo i propri corsi online in fatto di seguito e consensi nonché monitorare l’andamento e la fruizione dei propri contenuti esposti.

I video che si possono caricare tramite piattaforma possono essere illimitati e arrivare ad una grandezza di 4 Gigabyte sia su area corsi che su sito, blog o landing page, di cui posso creare pagine illimitate, ma in base al proprio piano tariffario.

La vasta gamma di servizi offerti include l’email marketing grazie alla presenza di un editor in grado di creare mail contenenti video e contenuti accattivanti per il potenziale fruitore. Gestibili le mailing list.

Incluso il compito di CMS per creare il proprio sito web senza avere la necessità di essere per forza programmatori informatici. Basta avere a che fare con questa pratica interfaccia grafica, tra l’altro molto semplice da utilizzare.

Per chi deve gestire più landing page, la funzione personalizzazione tema, grafica e modalità di consegna/prezzo prodotto risulta essere comodissima e non ti fa perdere molto tempo. Include anche la gestione clienti automatizzata, grazie all’apposito servizio di e-mail marketing.

Strumenti di tracciamento clienti precisi e sofisticati per tracciare, a sua volta, l’andamento delle vendite e del mercato di riferimento. Informazioni utili ai fini di un buon marketing nel complesso. Disponibile su Google Play e Appstore.

presentazione dati

Quanto costa Kajabi

Kajabi ha un piano di abbonamento piuttosto vario. Si va dall’offerta Basic di 149 $ al mese all’offerta Growth di 199 $ al mese fino a giungere all’offerta Pro di 399 $ al mese. In questo senso, la prima offerta si adatta maggiormente a coloro che sono alle prime armi e vogliono avviare un’attività online per cominciare a fare esperienza nel campo imprenditoriale.

La Growth è maggiormente consigliata per chi vuole creare un programma di affiliazione e, dunque, per utenti più esperti sul piano imprenditoriale. Chi vuole massimizzare ulteriormente i propri guadagni può puntare anche ad un’offerta Pro.

Da premettere che nell’offerta basic non è inclusa l’affiliazione, prevista solo negli altri due piani esposti. Aspetto da non sottovalutare. In ogni caso, Kajabi mette a disposizione la possibilità di usufruire di un periodo di prova gratuito pari a 14 giorni.

Il canone a cui si aderisce generalmente non varia e si rinnova sempre alle stesse condizioni. Aggiornamenti a funzionalità sono previsti nell’arco di ogni 6/8 settimane, in linea di massima.

Nel momento in cui un cliente acquista un prodotto, viene emessa contemporaneamente la ricevuta di Kajabi e del sistema di pagamento, ma non la fatturazione elettronica, soggetta a legge italiana. La notifica via mail arriva successivamente al venditore che solo a quel punto può emettere manualmente le fatture.

Sei pronto per immergerti in questo mondo?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *