monitoraggio traffico e seo

SEOZoom è un SEO tool italiano, che consente il monitoraggio del sito, sotto diversi aspetti, e la pianificazione di una strategia efficiente. Bisogna però saper leggere i dati, che possono differire da Google Analytics e Google Search Console. Vediamo come funziona, in particolare il monitoraggio del traffico.

Cos’è la SEO e perché è importante?

Prima di chiarire cos’è SEOZoom, è opportuno spendere alcune parole su cosa sia la SEO.

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ed è l’insieme di tecniche che consentono al nostro sito web di posizionarsi in maniera vantaggiosa sui motori di ricerca. Si parla in genere di Google, ma anche Yahoo! O Bing hanno una fetta di mercato, così come Baidu, per la Cina.

Bisogna tenere presente che lingua e località geografica influenzano il posizionamento, così come le ricerche precedenti dell’utente. Tra i fattori che hanno un impatto sul posizionamento del sito, troviamo:

  • SEO on-site: ovvero l’architettura del sito, il lato tecnico. Ad esempio, la sicurezza, l’esperienza utente e la velocità;
  • SEO off-page: tutta la parte di digital PR, tra cui i backlink e così via;
  • SEO on-page: l’ottimizzazione dei testi e delle immagini. Rientrano in questa branca non solo i lavori sulle keywords dei testi, ma anche degli snippet, delledescrizioni delle immagini e così via. Inoltre, non vanno dimenticati i link in entrata ed uscita.

Ottimizzazione SEO: un lavoro complesso ma necessario

Questa breve panoramica può dare l’idea di quanto sia complesso tenere sotto controllo il posizionamento di un sito. Potrebbe venire spontaneo chiedersi perché sia così importante ottimizzare il proprio sito e farlo posizionare bene sui motori di ricerca.

Il punto è che quando un utente immette una query di ricerca, ovvero immette una parola chiave nella barra di ricerca, sta cercando esattamente quella cosa specifica. Quindi, se il nostro sito sarà ottimizzato e visibile, sarà più facile avere un traffico qualificato, interessato a ciò che abbiamo da offrire. Inoltre, raramente le persone vanno oltre la seconda pagina di ricerca, quindi è ancora più importante scalare la SERP (ovvero, i risultati di ricerca).

Più il nostro sito è ben fatto e gradito ai visitatori, più i nostri testi sono pertinenti e interessanti, più Google ci avvantaggerà sulla concorrenza, in quanto riterrà il nostro progetto utile e rispondente ai bisogni degli utenti.

L’importanza del tool giusto: cos’è SEOZoom?

Ottimizzare il sito su cui si sta lavorando non è un processo immediato e senza fatica, inoltre è opportuno tenere d’occhio i competitors, quindi tanto i SEO Specialist che chi ha progetti di dimensioni più ridotte, ricorrono a dei SEO Tools.

SEOZoom è un SEO tool, cioè uno strumento che aiuta a gestire e monitorare il posizionamento per keyword ed il traffico potenziale del sito web (progetto) gestito. Serve quindi ad analizzare e tenere sotto controllo il sito ed i suoi contenuti in maniera professionale, approntando le strategie migliori per superare la concorrenza.

Grazie all’interfaccia intuitiva e alle tante funzioni presenti, SEOZoom consente di monitorare il traffico di milioni di keywords, controllare e confrontare i competitors, valutare lo stato di salute del sito e così via. Dopo aver impostato il progetto, la suite consentirà di lavorare in modo strategico e ottenere i risultati prefissati per il proprio sito, dal blog fino a siti molto più strutturati. Inoltre, non vanno dimenticate la formazione dedicata, l’assistenza e la community online.

seo manager

Differenza con Google Analytics per il monitoraggio del traffico

Uno dei dati che crea più grattacapi è quello del monitoraggio del traffico, perché spesso differisce dai dati di Google Analytics e Google Search Console.

SEOZoom infatti, come tutti i SEO Tools, non ha un accesso diretto al sito, come invece gli applicativi di Google, e quindi non può dare un riscontro sugli accessi effettivi.

In pratica, il traffico analizzato da Google Analytics conta tutti gli accessi, cioè motori di ricerca, referral, social e così via. Inoltre, riguarda gli accessi monitorati direttamente sul sito.

SEOZoom invece, usa un campione molto ampio di keywords per dare una stima degli accessi sulla base di determinati algoritmi. Il campione analizzato dal tool è comunque molto più ampio rispetto ad altre suite, estima il dato di accessi potenziali da Google, quindi serve per determinare facilmente le potenzialità di traffico e posizionamento e quanto la nostra strategia stia facendo effettivamente crescere il sito. È quindi coerente con la funzione di SEOZoom, ovvero un tool che serve a capire il posizionamento su Google, per keywords.

Perché utilizzare SEOZoom oltre ai tool forniti da Google?

Ci sono poi altri elementi che influenzeranno il click finale dell’utente su quel link, e quindi l’accesso effettivo; ma un confronto tra il volume potenziale di traffico e gli accessi può aiutare ad intervenire ed implementare la strategia giusta. Il volume di traffico di Google Analytics e Google Search Console si riferiscono al sito nel suo complesso. Non considerare entrambi i dati potrebbe essere fuorviante, perché ad esempio si potrebbe evidenziare una crescita dovuta a keywords minori, mentre in realtà il trend è in calo su keywords importanti per il sito. È quindi utile riuscire ad usare i diversi strumenti in sinergia, traendo da ogni elemento le giuste conclusioni.

Implementare una strategia SEO che consenta di raggiungere gli obiettivi prefissati non è semplicissimo. Servono infatti strumenti che consentano di monitorare l’attività del sito e il posizionamento, anche per singole keywords.

È per questo che, accanto a Google Analytics e Search Console, è utile usare una suite come SEOZoom. Il vantaggio di questo prodotto italiano è la completezza, dato che mette a disposizione funzioni per diversi aspetti del processo di definizione di una strategia SEO.

Tra questi, il monitoraggio del traffico aiuterà ad intervenire e gestire le singole keywords, importanti per il progetto di comunicazione ed il sito nel suo complesso.

dati dei tool

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *